Cerca nel blog

ISCRIVIMI A RICEVERE I COMUNICATI

Visualizzazioni totali

Movimento "LA NUOVA RESISTENZA 25 MARZO 2011". Partigiani sempre.

Movimento "LA NUOVA RESISTENZA 25 MARZO 2011". Partigiani sempre.
Partigiani sempre

COLLEGATI

domenica 12 agosto 2012

Sanità, benzina, precarietà tutte cause di povertà delle famiglie ! La casta interviene solo per tutelare i propri privilegi. In puglia si aspetta ancora che il governo sblocchi le assunzioni.


La casta romana non sa più da dove raccogliere i soldi; le famiglie ormai impoverite, oggi devono sopportare anche l'aumento del carburante.
Infatti, è stato aumentato di 0,51 centesimi il litro di benzina e diesel.
Il governo ora aumenta le accise per la benzina, da 0,724 euro al litro a 0,728. Per il diesel, invece, gli 0,613 euro al litro precedenti arrivano a 0,617 euro al litro.
Cosi il governo dalle nostre tasche toglie nel 2012 altri 65 milioni di euro (legge n.183/2011 all’art. 33, comma 30).
Così le famiglie di operai saranno ancora più povere e costrette a ricorrere a strozzini e altri canali del credito che non siano le banche.
Queste ultime ormai lucrano solo sul debito pubblico anzichè prestare alle famiglie e alle PMI.
Ricordo che in Italia aumenta la povertà assoluta tra le famiglie con una sola persona con fonte di reddito (dal 4,7% al 5,4%), mentre se non ci sono redditi da lavoro la povertà sale dall'8,5% al 16,5%.
Quindi, la povertà colpisce 11,1% delle famiglie, più di otto milioni di persone.
Questi nuovi poveri dovranno sopportare i costi di una sanità che ormai diventa rara e inaccessibile a causa del taglio dei costi e del blocco delle assunzioni.
La casta, poco attenta ai nuovi poveri, alla sanità, al mondo del lavoro, alle assunzioni negli ospedali, è compatta nel non tagliarsi privilegi, stipendi e pensioni.
Finalmente, vi annuncio che si chiuso il referendum anti-casta, che ha visto 1.300.000 firme, raccolte in tutta Italia, per tagliare gli stipendi d’oro dei parlamentari.
Il referendum, lo ricordo, ha come l’obiettivo abolire l’indennità che i parlamentari percepiscono altri 3.000 euro al mese a testa solo per vivere a Roma, nonostante molti di essi abbiano già la residenza nella Capitale, e altri il Parlamento lo frequentino pochissimo.

Domenico CIRASOLE
Presidente del Movimento "La nuova resistenza 25 aprile 2011"; il movimento di chi lotta contro la casta e la precarietà.

Nessun commento:

Posta un commento