Cerca nel blog

ISCRIVIMI A RICEVERE I COMUNICATI

Visualizzazioni totali

Movimento "LA NUOVA RESISTENZA 25 MARZO 2011". Partigiani sempre.

Movimento "LA NUOVA RESISTENZA 25 MARZO 2011". Partigiani sempre.
Partigiani sempre

COLLEGATI

sabato 30 aprile 2011

1 MAGGIO 2011 LUTTO NAZIONALE PER LO SFRUTTAMENTO DEL LAVORATORE PRECARIO


Il sottoscritto DOMENICO CIRASOLE  presidente del   “MOVIMENTO LA NUOVA RESISTENZA 25 APRILE 2011" dichiara il 1° maggio LUTTO NAZIONALE in sostituzione della Festa del lavoro e dei lavoratori per la perdita dei cari defunti-estinti diritti costituzionali del lavoratore, della persona, e della famiglia.
Festeggia il 1° maggio con la  Chiesa solo il dono della Divina Misericordia, e la beatificazione di Giovanni Paolo II (papa Wojtyla) il 'papa operaio' che è stato mediatore tra l'etica e il lavoro.
Mentre al contrario si dovrebbe dichiarare il  LUTTO NAZIONALE per la distruzione dei diritti del LAVORATORE, DELLA PERSONA, E DELLA FAMIGLIA.

L’ITALIA anziché festeggiare deve ammettere di aver perso tutti i diritti costituzionali del lavoratore, infatti il LAVORATORE PRECARIO specie se della pubblica amministrazione è l’unico che a causa degli sperperi, paga  il conto della crisi economica, e dei tagli imposti sui servizi ai cittadini, nella sanità, nella cultura, nella sicurezza, nell’educazione.
Il sottoscritto ad esempio il primo maggio lavorerà 16 ore su 24, come infermiere, in un reparto importante quale la RIANIMAZIONE,   a causa della cronica mancanza di personale che la sanità subisce, dopo i tagli imposti.
Lo stesso,  lavora con contratti  di tre mesi in tre mesi, alternando tra contratti di lavoro determinato, di collaborazione, a progetto, rinunciando a diritti quali ferie estive,  scatti di fascia, potere d’acquisto dello stipendio, per l’impossibilità di usare il credito al consumo, ovvero l’uso di mutui per l’acquisto della prima casa.
Ma ancora è  frustrato dall’impossibilità di completare studi professionali per l’assenza di turni agevolati, riposi, ovvero permessi anche per espletare semplici concorsi pubblici.
L’utilizzo di contratti atipici di collaborazioni e a progetto vieta al sottoscritto anche di assentarsi per problemi di salute personali e della famiglia senza rinunciare alla remunerazione.
Quest’azione discriminatoria continua anche sotto l’aspetto pensionistico.
È venuto il tempo di ricostruire la speranza per chi teme di non avere più un futuro.
E venuto il tempo di ridare speranza al lavoratore precario nel lavoro, nello spirito, nell’anima e nella società.
E venuto il tempo di ridare speranza soprattutto alle nuove generazioni.
E venuto il tempo di ridare speranza alle donne, che vedono il loro ruolo molto più debole di quello delle donne del passato che con gioia riuscivano a essere mamme e manager di una famiglia numerosa.
Mentre oggi la nostra società improntata alla produttività elimina e distrugge l’istinto di madre per sostituirlo a quello di  donna solamente lavoratrice.
La sue necessità di autonomia le taglia la possibilità di essere madre e lavoratrice.
Ricostruire la nuova ITALIA che DIO CREO’,  significa quindi, ripartire dalla stabilità del lavoro, il che significa rispettare lo spirito dell’Assemblea  Costituente che al lavoro stabile diede la massima importanza e posizione nella nostra Costituzione.
Regole che non possono divenire uno strumento di sopraffazione e che non possono essere mutate a  seconda della nostra convenienza.
Non avere paura significa infine avere fiducia nella nostra capacità di trovare in questo momento di gravissima crisi la solidarietà necessaria per convincere tutti gli italiani che la ricostruzione dei diritti dei lavoratori è possibile, proprio come apparve possibile il 25 Aprile del 1945, in un’Italia pur ancora dilaniata dagli odi e dalle divisioni.
Non avere paura significa dichiarare come San Pietro e San Giovanni dinanzi al sinedrio, di obbedire a Dio, e di non aver timore di proclamare la verità nel nome di GESU CRISTO RISORTO.
DOMENICO CIRASOLE
PRESIDENTE  MOVIMENTO DI RESITENZA ALLO SFRUTTAMENTO DEL LAVORATORE PRECARIO "LA NUOVA RESISTENZA 25 APRILE 2011".
http://precariesenzalavoro.blogspot.com/
DCIRASOLE@LIBERO.IT 

Nessun commento:

Posta un commento