Cerca nel blog

ISCRIVIMI A RICEVERE I COMUNICATI

Visualizzazioni totali

Movimento "LA NUOVA RESISTENZA 25 MARZO 2011". Partigiani sempre.

Movimento "LA NUOVA RESISTENZA 25 MARZO 2011". Partigiani sempre.
Partigiani sempre

COLLEGATI

lunedì 26 settembre 2011

"Indignados", mobilitazione generale: 15 ottobre "San Precario"





 

http://www.bolognatoday.it/economia/crisi-economica/sciopero-precari-indignados-15-ottobre.html
"Indignados", mobilitazione generale: 15 ottobre "San Precario"
"Indignados", mobilitazione generale: 15 ottobre "San Precario"
Al via "percorso contro le politiche di austerity". Il 15 ottobre mobilitazione globale dei precari su monito degli indignados spagnoli.


"Indignados", mobilitazione generale: 15 ottobre "San Precario"
Stati Generali della precarietà, riuniti a Bologna. Ieri si è svolta la Costituente dello Sciopero Precario "assemblea aperta a tutti i precari e le precarie, nativi e migranti, così come a movimenti, sindacati, attivisti. Si tratta di una prospettiva che già travalica i confini nazionali", scrivono gli aderenti al movimento dei precari.
Nella riunione si è discusso della partecipazione alla giornata di mobilitazione globale del 15 ottobre, lanciata dagli indignados spagnoli. "Noi ci saremo - annunciano i precari - perché crediamo che oggi più che mai la lotta alla precarietà e alle politiche di austerity debba avere una dimensione transnazionale.
Non ci interessa segnalare la necessità di un'alternativa politica e di un ricambio di governo, né candidarci a occupare quel posto. Ci interessa che anche in quell'occasione i precari e le precarie possano essere protagonisti, e che la costruzione di quella data sia l'occasione per accumulare la nostra forza e per colpire l'onnipotenza dei profitti. che a dicembre alzerà il sipario in molte città italiane."
"Il 15 ottobre San Precario ci sarà - si legge in una nota - portando il punto di vista precario e creando un percorso di vero protagonismo sociale contro le politiche di austerity".
"Da oggi fino al corteo del 15 ottobre - si legge ancora - il Santo dei Precari e la costituente dello sciopero precario non staranno in panciolle: apparirà qua e là per diffondere e affermare nelle pratiche e nella comunicazione il punto di vista precario: diritto al reddito, nuovo welfare, riappropriazione dei beni comuni e dei saperi, diritto all'insolvenza sottolineandone la dimensione transnazionale, non solo per lo scenario europeo e mediterraneo che abbiamo di fronte, ma guardando anche alle lotte dei migranti."

Nessun commento:

Posta un commento