Cerca nel blog

ISCRIVIMI A RICEVERE I COMUNICATI

Visualizzazioni totali

Movimento "LA NUOVA RESISTENZA 25 MARZO 2011". Partigiani sempre.

Movimento "LA NUOVA RESISTENZA 25 MARZO 2011". Partigiani sempre.
Partigiani sempre

COLLEGATI

sabato 2 febbraio 2013

Sanità Puglia: Onofrio Introna Presidente del Consiglio della Regione Puglia risponde agli infermieri precari idonei dopo procedura concorsuale del Policlinico di Bari indetto nel 2005



Leggete tutti,  a seguire vi è il comunicato di Onofrio Introna Presidente del Consiglio della Regione Puglia, rilasciato dopo aver ascoltato le dichiarazioni del Direttore Generale del Policlinico di Bari.
1.Preliminarmente io dichiaro di essere poco propenso alle promesse.
2.La Direzione Generale del Policlinico ci deve spiegare e motivare (Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato, decisione n. 14/2011) perchè  in presenza di una graduatoria di concorso valida, ha discrezionalmente scelto di non avvalersene (Sentenza del Consiglio di Stato, sezione terza, 5 giugno 2012, n. 3308).
3.Ci deve spiegare perchè ha attivato molteplici e diverse procedure di mobilità dopo aver indetto il concorso anche nelle more dell'espletamento. 
3.1 Il Consiglio di Stato, con sentenza n. 5830/2010 depositata il 18 agosto 2010, ha sancito il principio secondo il quale è fatto obbligo alle pubbliche amministrazioni, che devono coprire eventuali posti vacanti del proprio organico, di avviare le procedure di mobilità prima di procedere all’espletamento delle procedure concorsuali.
AVETE CAPITO TUTTI, LA MOBILITA' SI ATTIVA PRIMA DI ESPLETARE UN CONCORSO, NON DURANTE.
4. Secondo la Suprema Corte di Cassazione,  tra i posti messi a concorso originariamente debbano essere compresi anche quelli che si dovessero rendere vacanti. 
4.1 Sorge quindi l’obbligo di utilizzare la graduatoria per coprire tutti i posti resesi vacanti dall'indizione del concorso, entro il termine di efficacia della stessa prima di bandire una  nuova procedura concorsuale.
4.2 Ne consegue che, una volta adottata la decisione di coprire il  posto vacante, il candidato idoneo è titolare di un diritto soggettivo perfetto all’assunzione e l’amministrazione è obbligata allo scorrimento della graduatoria (Cfr.: Cass., Sez. Lav., 5 marzo 2003 n. 3252, in Il lav. nelle P.A., 2003,607 con nota di BOCCI; Cass., Sez. Un., 29 settembre 2003 n. 14529, ivi, 921 con nota di MONTINI, Foro amm. CDS, 2003,3281 con nota di GALLO; Cass., Sez. Lav., 5 settembre 2005 n. 17753, ivi, 2005,2863; Cass., Sez. Lav., 21 dicembre 2007 n. 27126, in Riv. crit. dir. lav., 2008,119 con nota di CIVITELLI; Cass., Sez. Lav., 7 maggio 2008 n. 11161, in Il lav. nelle P.A., 2008,644; Cass., Sez. Lav., 6 marzo 2009 n. 5588, in Giust. civ., 2010,I,219. Conforme a tale indirizzo è TAR Lazio-Roma, Sez. II, 15 settembre 2009 n. 8742, in Lexitalia.it., n. 9/2009). 
4.3 Fermo restando, quindi, la discrezionalità in ordine alla decisione sul ‘se’ della copertura del posto vacante, l’amministrazione, una volta stabilito di procedere alla provvista del posto, deve sempre motivare in ordine alle modalità prescelte per il reclutamento (TAR Lombardia sentenza n. 345/2012).
5. Ancora l'Azienda ci deve motivare l'inspiegabile ritardo nella procedura concorsuale indetta nel 2005 e terminata nel 2013, nonostante la grossa lacuna di personale infermieristico di quegli anni. 
5.1 "L'inspiegabile ritardo" potrebbe giustificare  e riconoscere un risarcimento del danno (patrimoniale ed extra patrimoniale) da mero ritardo della P.A. per grave violazione delle regole di imparzialità, di correttezza e di buona fede alle quali l'esercizio della funzione pubblica deve costantemente attenersi  (sentenza 4345 del 2012 del Consiglio di Stato in tema di provvedimento amministrativo illegittimo , quale appunto la volontà di procedere a mobilità nelle more del procedimento concorsuale). 
5.2 Se tale ritardo è ascrivibile a colpa o dolo della P.A. sono da mettere in discussione tutte le assunzioni svolte dal 2005 al 2013 (500 infermieri attraverso procedure di mobilità e stabilizzazione). Il consiglio di stato ha esplicitato che prevale sempre lo SCORRIMENTO DELLA GRADUATORIA sull'istituto della mobilità e della stabilizzazione (Cons. Stato, Sez. V, 26.10.2009, n. 6536)
6. La direzione Generale del policlinico deve spiegarci ulteriormente perchè non ha rispettato le decadenze riportate in delibera Delibera n. 914 del 19/07/2011.




7. Sussiste, ancora l'insormontabile dubbio che la richiesta di parere avanzata dal Direttore Generale del Policlinico di Bari in data 22 settembre 2011 rivolta alla funzione pubblica fosse quantomeno incompleta di date (indizione del concorso e della mobilità) e circostanze quali appunto le precedenti mobilità. 


7.1 Il vizio intrinseco presente nella richiesta di parere ha conseguentemente viziato il parere stesso della Funzione Pubblica che riferendosi astrattamente alla fattispecie dell'istituto della mobilità, manca di riferimenti alla fattispecie concreta.  
7.2 Ciononostante si evince dal parere che vi è giurisprudenza consolidata secondo cui vi è obbligo delle amministrazioni di attivare procedure di mobilità, prima di procedere al espletamento di procedure concorsuali .

7.3 La decisione di adottare un provvedimento (utilizzo mobilità giusta delibera del 17.12.12 n. 1503) in conformità ad un parere vincolante "viziato"  immediatamente lesivo degli interessi dei 429 infermieri idonei è si autonomamente impugnabile, ma è anche vero che inficia l'intero procedimento amministrativo e vizia il provvedimento conclusivo del procedimento ovvero le assunzioni.


8. Dal comunicato del Presidente Introna si evince inoltre 1. che la puglia non avrà lo sblocco delle assunzioni ma un alleggerimento; 2. Che il Policlinico assumerà dal concorso solo dopo la mobilità; 3. Che al momento non ci sono deroghe;  4.Si considera vangelo un parere avuto dalla funzione pubblica nel lontanissimo 2011.
Ciò significa far passare anni prima di lavorare con il rischio che gli ultimi vedano scadere il concorso.
Io ci sono già capitato, e vi giuro che mi rode ancora.
Per questo dico a tutti (primi e ultimi) lasciamo decidere al giudice.
9. Noi abbiamo ragione, nel web i migliori giuristi parlano di una radicale inversione di rotta, tanto che il comune di Scansano ha deciso di applicare la Sentenza del consiglio di stato 31.07.2012 n° 4329 che richiama l’Adunanza Plenaria del  28 luglio 2011, n. 14.
Scusatemi ma io mi fido solo della legge. Il termine ultimo per tutti (primi e ultimi) per fare ricorso è 17 febbraio, dopodiché  tutti possiamo solo PREGARE e SPERARE che il Policlinico abbia almeno 800 deroghe per assumere solo infermieri e che vengano mantenute le PROMESSE.
10. Il Direttore del policlinico ribadisce l'intenzione di far scorrere la graduatoria della mobilità, perchè è obbligato da legge, ciò nonostante ha promesso che entro la fine dell'anno la graduatoria del concorso potrà essere usata.
Promesse che io sinceramente non credo ipotizzabile guardando la lunga graduatoria della mobilità (800 infermieri) il blocco delle assunzioni, e la necessità di soli 144 infermieri ( dichiarazione inserita in delibera 914 DEL 19 LUG. 2011).
Sarebbe più ovvio, se la vera volontà del DG è quella di non farci procedere sulla via dei ricorsi, deliberare immediatamente la volontà di bloccare la mobilità.
Invece no !
Noi dovremmo non procedere con il ricorso sulla base di promesse.
Serve altro, servono delibere che chiariscano.
Tutte le sue affermazioni, avvalorate da giurisprudenza non recente ma di vecchia data, e non importanti come l'adunanza plenaria del Consiglio di Stato possono essere valutate solo da un giudice.
Dichiarare che il ricorso bloccherebbe la graduatoria non è vero, serve solo a innescare una sorta di timore nella parte debole del contratto.
E' anche vero che se facesse scorrere la graduatoria della mobilità per intero, noi saremo comunque costretti ad aspettare mesi e anni prima di rivedere un lavoro.
Quindi a questo punto sono sempre più convinto che solo un giudice può fargli cambiare idea, a meno ché il Direttore Generale sulla scorta delle ultimissime sentenze del consiglio di stato, e del tar, voglia entro la scadenza dei termini per proporre ricorso, riempire di gioia i nostri cuori e deliberare l'utilizzo prioritario e immediato della graduatoria del concorso.
Voi pensate che sia impossibile ?
 11. Vi allego una determina del comune di Scansano, nella quale si revoca la mobilità e si procede ad assumere dalla graduatoria del concorso.
Non viviamo in Italia ? L'Italia non è un paese di diritto?
Ora mi chiedo perché una sentenza è valida a Scansano,  ma non è valida a Bari ?






Da: addettostampapresidente@consiglio.puglia.it
Data: 1-feb-2013 13.35

Ogg: Il comunicato

Policlinico di Bari: entro due anni graduatorie esaurite se si sbloccano le deroghe alle assunzioni



Potranno trovare collocamento entro uno-due anni tutti gli idonei del concorso per infermieri bandito dal Policlinico di Bari nel 2005 e completato nel 2012. Questo, a condizione che lo Stato alleggerisca il blocco delle assunzioni e comunque dopo l’esaurimento del bando di mobilità interregionale, obbligatorio, secondo le norme, prima di dar corso alla graduatoria concorsuale. Il presidente del Consiglio regionale Onofrio Introna riassume così l’esito dell’incontro promosso a via Capruzzi col direttore generale dell’azienda ospedaliera, Vitangelo Dattoli e una delegazione dei lavoratori.

“La riunione - è la sintesi del presidente - ha potuto chiarire la trasparenza delle scelte del direttore generale e la crescente offerta occupazionale dell’azienda ospedaliera. Ci  sono aspetti positivi, perciò, sia pure dilazionati nel tempo e questo aiuta a dare una prospettiva al personale precario”.

Prima la mobilità, poi le graduatorie, quindi. non lasciano dubbi le direttive del Dipartimento della Funzione Pubblica, in risposta al parere richiesto da Dattoli. La stessa giurisprudenza non offre un orientamento univoco, nonostante la sentenza di luglio del Consiglio di Stato, in linea con le obiezioni dei partecipanti al concorso.

Alla luce dell’andamento delle domande di mobilità pervenute è possibile prevedere che non soddisferanno la “massiccia” esigenza di personale infermieristico del Policlinico e questo avvierà un percorso che porterebbe progressivamente all’assorbimento di tutti i circa 650 concorrenti. Al momento, tuttavia, nonostante “l’ineludibile necessità” sottolineata dal direttore generale, non ci sono deroghe che consentano assunzioni. Il problema è all’attenzione della Regione, che le ha già sollecitate ed è in attesa di risposte dai Ministeri (Salute e Funzione Pubblica), considerata la forte richiesta delle asl per garantire assistenza agli utenti del servizio sanitario regionale. (fel)

-------------------------------------------------

Per tutti questi motivi e per altri, ma soprattutto perché la legge e la giurisprudenza impongono l’uso della graduatoria del concorso e non della mobilità, vi invito a contattarmi se avete dubbi (3476740259  dcirasole@libero.it) , a coinvolgere quanti più colleghi possibili e a recarvi in massa a firmare il ricorso entro il 10 FEBRAIO 2013, MUNITI DI DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO, IN ORARI D’UFFICIO PRESSO LO STUDIO DELL’AVVOCATO E.F. LORUSSO SITO A BARI IN VIA AMENDOLA 166/5 (NEI PRESSI DELL’OSPEDALETTO DEI BAMBINI- PALAZZO DELLA FINANZA).
I costi sono stati tutti definiti, sono immodificabili e sono scritti in un preventivo che potrete ritirare alla firma del mandato. Ovviamente sono inversamente proporzionali al numero dei ricorrenti, si parla di poche centinaia di euro se a ricorrere siamo almeno 30 infermieri.
Cerchiamo di essere in massa, sia per dare un segnale alla dirigenza (aziendale e sindacale),  per diminuire i costi e per ottenere dal Giudice maggiore considerazione sulla questione

Nessun commento:

Posta un commento