Cerca nel blog

ISCRIVIMI A RICEVERE I COMUNICATI

Visualizzazioni totali

Movimento "LA NUOVA RESISTENZA 25 MARZO 2011". Partigiani sempre.

Movimento "LA NUOVA RESISTENZA 25 MARZO 2011". Partigiani sempre.
Partigiani sempre

COLLEGATI

mercoledì 7 dicembre 2011

Salvatore Greco incontra gli infermieri precari della sanità puglia (ASL BARI),mai destabilizzati ed internalizzati


Durante la conferenza dell'on. Salvatore GRECO è stato evidenziata la situazione di allarme-personale che riguarda anche gli infermieri.
Sono state Attivate  mobilità extraregionale quando ci sono oltre mille infermieri precari che nella sola provincia di Bari hanno visto non rinnovato il proprio contratto.
Una delibera che costituisce un grave danno per i lavoratori e le loro famiglie.
La Asl di Bari ha deliberato bandi per la mobilità extraregionale per coprire i posti vacanti di infermieri, quando né le piante organiche risultano essere state riviste alla luce dei tagli del Piano di rientro, né si è considerata la opportunità di dare stabilità a chi da tre anni lavora con contratto a termine, né ancora si è considerato che ci sono due graduatorie ancora in vigore".
Affrontate anche le conseguenze delle ultime sentenze di primo grado del Tribunale di Bari che riconosce il diritto al risarcimento del danno dei lavoratori precari per doppia proroga e per incarichi superiori ai 36 mesi.
Inoltre i quasi mille precari hanno valutato la possibilità di farsi seguire per gli eventuali ricorsi da un Avv. lavorista di Bari revocando il mandato agli avvocati dei sindacati.
Detti sindacati a parere dei molti non hanno avviato alcun ricorso.
Quindi ai precari è parso utile eliminare schieramenti di colore politico e sindacale e farsi seguire da un unico Avvocato, ciò al fine di ridurre i costi.
L'intento esplicito di tutti i precari e quello di far valere le proprie ragioni che sono in contrasto, con la volontà aziendalistica di proseguire sulla via delle mobilità extraregionale, nonchè di nuovi avvisi pubblici, o contratti di collaborazione, che vadano a sostituire gli stessi che da più di 36 mesi ricoprono o hanno ricoperto posti vacanti da anni.
Certamente l'interessamento della politica eviterebbe lo scontro d'interessi (a suon di sentenze) e permetterebbe a tutti i precari storici della ASL BARI di continuare o riprendere a lavorare, che è l’unica vera volontà degli infermieri precari.
Cordialmente
Domenico Cirasole



Nessun commento:

Posta un commento