Cerca nel blog

ISCRIVIMI A RICEVERE I COMUNICATI

Visualizzazioni totali

Movimento "LA NUOVA RESISTENZA 25 MARZO 2011". Partigiani sempre.

Movimento "LA NUOVA RESISTENZA 25 MARZO 2011". Partigiani sempre.
Partigiani sempre

COLLEGATI

martedì 12 giugno 2012

Scuola, precari troppo a lungo Il ministero li dovrà risarcire


Scuola, precari troppo a lungo Il ministero li dovrà risarcire

fonte: http://bologna.repubblica.it/cronaca/2012/06/12/news/scuola_vittoria_di_sette_precari_dal_ministero_210mila_euro-37045959/


Gli insegnanti erano assistiti dal Codacons, che ha avviato nei mesi scorsi ricorsi collettivi contro il rinnovo dei contratti a tempo determinato. Riceveranno complessivamente 210mila euro. "Sentenza importante per gli altri 2000 docenti che hanno fatto causa"

Sette insegnanti, che si erano affidati al Codacons per un ricorso contro il ministero dell'Istruzione, riceveranno 210mila euro di risarcimento per gli anni di precariato. Lo ha stabilito il Tribunale di Bologna (sezione Lavoro), come rende noto l'associazione di consumatori.

Il Codacons, nei mesi scorsi, aveva avviato ricorsi collettivi contro il dicastero dell’istruzione in favore di docenti e personale scolastico che si vedevano rinnovare i contratti a tempo determinato, "e quindi prolungare ingiustamente la loro vita professionale all’interno del limbo del precariato". Quello dei sette docenti è stato il primo ricorso presentato.

Il giudice Carlo Sorgi ha dichiarato "l’illegittimità dei termini apposti ai contratti stipulati dai ricorrenti e, per l’effetto, condanna il Ministero dell’istruzione a risarcire il danno nella misura di quindici mensilità della retribuzione globale di fatto, con gli interessi legali dalla data della presente sentenza e fino al saldo", e inoltre ha dichiarato "il diritto della parte ricorrente alla progressione professionale, in conseguenza della stipulazione di contratti di lavoro a tempo determinato, e per l’effetto dichiara tenuto e condanna il Ministero dell’istruzione a corrispondere le differenze retributive maturate in ragione della relativa anzianità di servizio in misura maggiorata degli interessi legali dalle singole scadenze e fino al saldo".

Si tratta, commenta l'associazione, "di una sentenza
molto importante, che spiana la strada ai risarcimenti in favore dei circa 2000 precari della scuola" che, attraverso l'associazione, "hanno fatto causa al Ministero dell’Istruzione al fine di veder riconosciuti i propri diritti di lavoratori e ottenere le retribuzioni finora non percepite, a causa della perenne condizione di precarietà". E' ancora possibile aderire ai ricorsi, info sul sito www.codacons.it.

Nessun commento:

Posta un commento