Cerca nel blog

ISCRIVIMI A RICEVERE I COMUNICATI

Visualizzazioni totali

Movimento "LA NUOVA RESISTENZA 25 MARZO 2011". Partigiani sempre.

Movimento "LA NUOVA RESISTENZA 25 MARZO 2011". Partigiani sempre.
Partigiani sempre

COLLEGATI

martedì 19 ottobre 2010

LE GRANDI COLPE DEI DEMOCRATCI DI SINISTRA (PD)

PRESIDENTE VENDOLA le sue parole ci dicono che la nostra sinistra democratica ha smesso di essere sinistra, ovvero di fare opposizione, di contrastare le scelte immorali che hanno soffocato il futuro ed i diritti essenziali di tutti gli uomini che vivono di lavoro.

Ci hanno tolto la possibilità di fare famiglia, di crescere nella società, ci hanno reso schiavi.

Nel mentre  la sinistra quando ci schiacciavano dov'era?

In parlamento a riscaldare le poltrone !!

I parlamentari della sinistra democratica non hanno assolto il mandato ricevuto, non hanno fatto opposizione, hanno messo in lista e fatto eleggere imprenditori, ricchi che accumulano assenze in parlamento.

A nessuno di loro è venuto in mente di fare sciopero quando hanno fatto la riforma delle pensioni in Italia, cosi come altre riforme importanti per il lavoro.

Anche alcuni sindacati sono ormai in pieno sonno, ci hanno reso delle docili pecorelle, per farci mangiare dal branco di lupo che è al potere.


MA NOI ITALIANI AMIAMO LA RESISTENZA
.....LOTTIAMO PER L'UNITA'….
.....PER LA DIGNITA'…..
.....E PER I DIRITTI.....

LEI PRESIDENTE VENDOLA PUO' RAPPRESENTARE LA NUOVA SINISTRA DELL’ITALIA UNITA.

MA ATTENTO PRESIDENTE A CONCRETIZZARE LE ASPETTATIVE COME QUELLE  DI NOI PRECARI (infermieri) della sanità (ASL Bari) che forse andremo a casa.

Il nostro rammarico è che abbiamo creduto qualche anno fa  in un sogno .......il suo sogno.

Spero Lei possa fare molto per l'Italia che lavora, per la puglia che vorrebbe  lavorare, e per noi precari che forse perderemo il lavoro.

Io vedo nel SEL la vera alternativa al governo, basta essere convincenti e concreti.

Di questo sono convinto, fino a prova contraria.

Buon lavoro.


Domenico Cirasole

Nessun commento:

Posta un commento