Cerca nel blog

ISCRIVIMI A RICEVERE I COMUNICATI

Visualizzazioni totali

Movimento "LA NUOVA RESISTENZA 25 MARZO 2011". Partigiani sempre.

Movimento "LA NUOVA RESISTENZA 25 MARZO 2011". Partigiani sempre.
Partigiani sempre

COLLEGATI

venerdì 13 gennaio 2012

Patroni Griffi non stabilizza i precari storici della P.A. .





Salto generazionale nella P.A.

Precariato nella Pubblica Amministrazione: Il ministro Patroni Griffi non riconosce il diritto dei precari a essere stabilizzati.
Discriminazione tra dipendenti pubblici e privati.
Disattesa la direttiva Europea che sanziona lo sfruttamento del lavoro precario. Cancellato il diritto di precedenza dei precari.
Dopo l'era Brunetta, potrebbe oggi aprirsi una nuova fase di dialogo considerato che i precari pubblici continuano a pagare più di altri la crisi.
Il primo grande capitolo che il Governo Monti deve affrontare riguarda i 240 mila precari della P.A..
Noi della nuova resistenza, non condividiamo i concorsi per i soli giovani.
Si continua a sanzionare i precari del pubblico impiego esclusi dalle stabilizzazioni e dai concorsi, che dopo anni di precariato e già quarantenni rischiano di restare a casa senza lavoro, sorpassati da una nuova generazione.
E’ incomprensibile che continuino a essere penalizzati i precari non più giovani, sfruttati dal governo Berlusconi, strozzati dal Ministro Brunetta, e azzannati dal ministro Tremonti che hanno inserito il blocco del turn over.
L’auspicio è che nel prossimo incontro fissato per il prossimo 19 gennaio, il Ministro voglia puntare l’attenzione sulla stabilizzazione dei precari sfruttati nella P.A. per oltre 36 mesi di proroga in proroga, distogliendo l’attenzione dalla bella vista sul Colosseo.
Le nuove assunzioni attraverso i concorsi pubblici che prevedono una ‘mini moratoria’ per assumere i giovani penalizzando i precari storici della P.A. sono contrarie al senso di equità di cui il nostro paese necessita.
La proposta avanzata dal ministro consente forme di reclutamento ‘miste’ con il 50% assunto con i nuovi concorsi,‘pescando’ il restante dalle graduatorie preesistenti, vuole penalizzare chi con grandi difficoltà ha reso viva ed efficiente gli ospedali pubblici.
Questa proposta contrasta con il diritto di precedenza riconosciuto ai precari assunti a tempo determinato per almeno sei mesi entro un anno dal concorso.
Mentre il ministro tratta con i sindacati, molti tribunali riconoscono il torto subito dai precari della P.A. e condannano le aziende pubbliche, specie quelle della sanità a risarcire la precarietà in alternativa alla stabilizzazione.
La Nuova resistenza crede che si debba procedere per gradi, iniziando da chi appunto vanta un diritto, cioè quello di ricoprire i posti vacanti occupati da anni dai precari storici.
I governi precedenti hanno costretto molti infermieri  a vivere appesi a un filo ogni anno in ospedali sotto organico.
Ora basta, occorre stabilizzare il personale precario storico non dirigenziale!!
Trattasi di migliaia d’infermieri precari con più di 36 mesi di lavoro.
Domenico Cirasole


Nessun commento:

Posta un commento