Cerca nel blog

ISCRIVIMI A RICEVERE I COMUNICATI

Visualizzazioni totali

Movimento "LA NUOVA RESISTENZA 25 MARZO 2011". Partigiani sempre.

Movimento "LA NUOVA RESISTENZA 25 MARZO 2011". Partigiani sempre.
Partigiani sempre

COLLEGATI

domenica 1 aprile 2012

CORRUZIONE POLITICA ED EVASIONE FISCALE: CARCERE, SEQUESTRO, E SANZIONE ALLE SOCIETA' COSI COME AI PARTITI- CANCELLATI - (231/01)

Il Governo Monti continua a scegliere soluzioni drastiche per i lavoratori e i pensionati, lasciando indenni i veri responsabili del debito pubblico, ovvero evasori fiscali, corruttori, e casta politica.


Si illude l'opinione pubblica con i blitz degli scontrini, dimenticando di applicare ed estendere alle amministrazioni pubbliche, società, come ai partiti politici i codici etici e i modelli organizzativi previsti dalla 231/01.


Detta norma prevede per gli enti, delle sanzioni pecuniarie ed interdittive che potrebbero applicarsi anche ai partiti e alla P.A.. 


Ma ciò il Governo Berlusconi-Casini- Bersani (Monti) non lo vuole affrontare, come non vuole affrontare la questione dei debiti della pubblica amministrazione.


Inoltre la stessa Pubblica Amministrazione pullula di medici, tecnici, infermieri precari che continuano a girare come trottole, nelle ASL, le quali dopo averli sfruttati vengono sostituiti da assurde mobilità extra-regionali che sanzionano i lavoratori-precari delle regioni con piano di rientro, ai quali è imposto il blocco delle assunzioni.


E' impensabile continuare ad applicare la legge Brunetta, che impone la mobilità prima di ogni altra procedura concorsuale.


Non è equo, permettere alle regioni più ricche e con conti sani, d'assumere (concorsi) a tempo indeterminato, mentre si soffoca le regioni povere e indebitate, obbligandole all'uso di contratti precari.


Così come è ingiusto prevedere obbligatoriamente le mobilità prima dei concorsi, unica salvezza per i precari (quando gli riservano un percentuale).


La norma vigente non salva e non tutela il lavoratore precario della P.A..


Con la riforma Fornero i precari di aziende private, vedranno la trasformazione del contratto, così come l'Europa impone.


Ma chi ha scelto di iniziare a lavorare nelle amministrazioni pubbliche di regioni povere può solo scegliere di recarsi in quelle ricche, e da subito lavorare con contratti stabili.


Monti risolva positivamente e celermente l'annosa questione di precari della Sanità Pubblica Pugliese, attraverso lo strumento della stabilizzazione, frutto di uno strano accanimento del vecchio governo, come del Corte Costituzionale.


Voglia trattare equamente i lavoratori precari del privato come quelli del pubblico.


Domenico CIRASOLE



Nessun commento:

Posta un commento