Cerca nel blog

ISCRIVIMI A RICEVERE I COMUNICATI

Visualizzazioni totali

Movimento "LA NUOVA RESISTENZA 25 MARZO 2011". Partigiani sempre.

Movimento "LA NUOVA RESISTENZA 25 MARZO 2011". Partigiani sempre.
Partigiani sempre

COLLEGATI

giovedì 1 marzo 2012

Il cervello dei precari non si riposa mai

Il cervello del precario, omai depresso non si ferma mai.  
In base a uno studio, si è scoperto che nei precari ormai depressi un recettore non funziona bene, rendendo impossibile uno ‘stand by’ cerebrale, una pace interiore,  provocando quindi uno stato sempre sul filo della tensione. 
Nel cervello umano le aree neurali dette “default mode network”,  si attivano quando non si ha nente da fare, in pratica quando la mente vaga e si riposa. 
Nei precari ormai tutti depressi, sempre più ansiosi e in preda a ruminazioni continue, la calma mentale è rara, irragiungibile. 
Questo studio conferma la che la precarietà perenne apre le porte alla  depressione e ansia.



Domenico CIRASOLE

Nessun commento:

Posta un commento