Cerca nel blog

ISCRIVIMI A RICEVERE I COMUNICATI

Visualizzazioni totali

Movimento "LA NUOVA RESISTENZA 25 MARZO 2011". Partigiani sempre.

Movimento "LA NUOVA RESISTENZA 25 MARZO 2011". Partigiani sempre.
Partigiani sempre

COLLEGATI

lunedì 22 novembre 2010

Il Consiglio dei Ministri impugna due leggi approvate dal Consiglio regionale

 
ANNA MARIA COLONNA
Lunedì 22 Novembre 2010 ore 11.51

Il Consiglio del Ministri, su proposta del ministro per i Rapporti con le Regioni Raffaele Fitto, ha deciso di impugnare davanti alla Corte costituzionale le leggi 11/2010 e 12/2010 approvate recentemente dal Consiglio regionale pugliese per sbloccare l'approvazione del Piano di rientro sanitario. La prima è stata oggetto di censura governativa perché "prevede la cessazione dell'efficacia delle disposizioni in essa contenute in caso di mancata sottoscrizione dell'accordo per il rientro dal disavanzo sanitario nei termini previsti". La seconda presenterebbe, invece, "profili di illegittimità costituzionale".

Intanto l'assessore regionale alle Politiche della Salute Tommaso Fiore, che questo pomeriggio avrebbe dovuto presenziare il Consiglio comunale monotematico sulla sanità, reputa "l'atto del Governo sconcertante e sconsiderato. Le norme sono state discusse ed approvate dal Consiglio Regionale di Puglia per venire incontro alle richieste dei tre Ministri Tremonti, Fazio e Fitto e per raggiungere una ordinata firma del Piano di Rientro".

Domenico Cirasole, presidente di S.p.A., comitato "Sanitari Precari Altamurani", ha scritto una lettera aperta al presidente della Regione Puglia Nichi Vendola dichiarandosi dispiaciuto per l'assenza dell'assessore Fiore al Consiglio comunale, in programma questo pomeriggio e revocato. La seduta, "aperta alla partecipazione dell'assessore regionale alla Sanità e di tutti i rappresentanti regionali del territorio", è stata rinviata al 29 novembre. Cirasole, in qualità di rappresentante degli operatori sanitari locali precari, chiede "chiarezza", sottolineando che "continuerà l'opera di sensibilizzazione della popolazione in ogni modo. Il Comitato - aggiunge Cirasole – sta raccogliendo informazioni sugli altri presidi di tutta la Puglia".

Nessun commento:

Posta un commento