Cerca nel blog

ISCRIVIMI A RICEVERE I COMUNICATI

Visualizzazioni totali

Movimento "LA NUOVA RESISTENZA 25 MARZO 2011". Partigiani sempre.

Movimento "LA NUOVA RESISTENZA 25 MARZO 2011". Partigiani sempre.
Partigiani sempre

COLLEGATI

sabato 27 novembre 2010

Stabilizzazione dei rapporti di lavoro nella Asl di Viterbo

http://www.viterbooggi.it/index.php?tipo=contenuto&ID=22067&categoria=pagine

Riceviamo e pubblichiamo:
La Segreteria Provinciale della Fials  intende esprimere la propria soddisfazione per l’iniziativa del Direttore Generale della AUSL Viterbo che  ha  comunicato al Commissario ad ACTA alla Sanità della Regione Lazio On. Renata Polverini, l’intenzione di avviare le procedure per il superamento del precariato sia per i dirigenti (medici, biologi ecc.), che per i numerosi operatori del comparto(infermieri, tecnici, amministrativi).

In tale ottica, la scrivente Segreteria ritiene essenziale il sostegno dei consiglieri  regionali di maggioranza ed opposizione eletti con i voti dei residenti nel territorio viterbese, che già in vario modo, hanno dimostrato sensibilità su tale argomento ed in particolare dell’on. Francesco Battistoni in quanto membro della Commissione Sanità della Regione Lazio che si è  già attivato con la necessaria determinazione per affrontare tale problema.
La questione degli oltre 250 precari nella AUSL di Viterbo deve essere a parere della scrivente O.S. prioritariamente considerata per le implicazioni sociali che ne derivano e definito a breve termine. Il Direttore Generale dr. Adolfo Pipino, ha chiarito ampliamente  gli aspetti tecnici del caso con la nota n.55114 del 18-11-2010 e quindi, sussistono tutte le condizioni per bandire i concorsi pubblici che dovranno essere dovutamente supportati, per alcuni aspetti procedurali, dagli organi preposti della Regione Lazio.
Ricordiamo inoltre, che nei primi mesi del 2009 la AUSL Viterbo, ha provveduto all’inquadramento in ruolo di alcuni precari già idonei in concorsi pubblici e pertanto tale iniziativa, non essendo intervenuti provvedimenti ostativi, doveva rappresentare e non lo è stato, l’inizio di un percorso che si sarebbe concluso con la stabilizzazione di tutti gli aventi diritto.  

Nessun commento:

Posta un commento